“Il Cous Cous Fest, organizzato dall’agenzia Feedback di Palermo in collaborazione con il Comune di San Vito Lo Capo, è un evento internazionale che si svolge nel pieno rispetto delle normative vigenti e in quanto tale è dotato di un piano di emergenza ed evacuazione oltre che di un piano socio-sanitario che ne consente il regolare e corretto svolgimento”. E’ quanto afferma il sindaco di San Vito Lo Capo, Matteo Rizzo, rispondendo a false notizie che circolano riguardanti la presunta mancanza di un piano per l’ordine e la gestione delle possibili emergenze del Cous Cous Fest, diffuse a seguito del concerto di Alvaro Soler. Il piano di emergenza ed evacuazione serve a: prevenire o limitare i pericoli alle persone, coordinare gli interventi del personale a tutti i livelli, ad intervenire, dove necessario, con un pronto soccorso sanitario e a definire i compiti da assegnare al personale che opera durante le eventuali fasi di  emergenza. Il piano, condiviso con tutte le forze dell’ordine coinvolte, a vari livelli, nell’organizzazione dell’evento come Carabinieri, Polizia, Vigili urbani, Vigili del fuoco, Guardia di Finanza e Protezione Civile, predispone le mappe dei vari piani con l’indicazione delle vie d’uscita, delle postazioni dei mezzi antincendio e dei punti di ritrovo in caso di evacuazione. “Tale piano – continua Rizzo – come da prassi, è stato  sottoposto e approvato, tramite apposite conferenze di servizio, dalla Prefettura e dalla Questura di Trapani, che ringrazio personalmente per la collaborazione mostrata. Tutti gli eventi del programma del Cous Cous Fest, che si sono già svolti e si svolgeranno hanno avuto quindi il via libera da parte della Prefettura e della Questura di Trapani, per il loro regolare svolgimento”. Un maxi schermo con impianto audio è stato, inoltre, allestito sulla spiaggia per far decongestionare la piazza, d’intesa con la Questura di Trapani. “Sono false quindi – prosegue il sindaco – tutte le notizie che circolano riguardanti la mancanza di imprescindibili misure di sicurezza nell’organizzazione di un Festival che dà lustro, da 19 anni ormai, alla provincia di Trapani e all’intera Sicilia a livello internazionale”. Sempre nel rispetto delle normative vigenti, l’evento è dotato, inoltre, di un piano socio-sanitario sottoposto all’assessorato alla salute della Regione Sicilia ed all’ASP di Trapani che hanno anche partecipato alla redazione. Tale piano si avvale della collaborazione della Croce rossa italiana, del 118 e del PTE ASP Trapani che sono presenti a San Vito Lo Capo con uno staff di 20 unità, 3 ambulanze e 2 tende-ospedali da campo che si uniscono al personale sanitario in forze alla Guardia medica di San Vito Lo Capo. Sempre a servizio dei visitatori del festival è il servizio di bus navetta, gestito dal Comune di San Vito Lo Capo, che collega il paese con parcheggi gratuiti. “Facile è – conclude il sindaco – criticare mesi di lavoro, organizzazione e pianificazione con le forze dell’ordine per l’organizzazione di questo evento e di quello che è stato uno dei concerti più attesi dell’estate siciliana e pubblicare scontate lamentele per l’inevitabile traffico veicolare che si è creato per raggiungere la nostra cittadina invece di fare una corretta e veritiera informazione”.